Cerca
  • Luigi Quintieri

Difetto di legittimazione attiva delle società cessionarie del credito

Si sta consolidando una giurisprudenza che tende a sanzionare la legittimità attive delle società cessionarie dei crediti se manca la prova particolare della cessione del credito specifico.

Diverse sentenze recenti anche della stessa Cassazione affermano che in caso di contestazione della titolarità del credito in capo alla asserita cessionaria, il mero fatto, pur pacifico, della cessione di crediti in blocco ex art. 58 TUB non è sufficiente ad attestare che lo specifico credito oggetto di causa sia compreso tra quelli oggetto di cessione.

La parte che agisca affermandosi successore a titolo particolare della parte creditrice originaria, in virtù di un'operazione di cessione in blocco ex art. 58 d.lgs. n. 385 del 1993, ha l'onere di dimostrare l'inclusione del credito oggetto di causa nell'operazione di cessione in blocco, in tal modo fornendo la prova documentale della propria legittimazione sostanziale, a meno che il resistente non l'abbia esplicitamente o implicitamente riconosciuta



0 visualizzazioni0 commenti